Affascinante palazzo storico Bacci/Beni nel cuore di Arezzo

Affascinante palazzo storico Bacci/Beni nel cuore di Arezzo

  • Image slider 1
  • Image slider 2
  • Image slider 3
  • Image slider 4
  • Image slider 5
  • Image slider 6
  • Image slider 7
  • Image slider 8
  • Image slider 9
  • Image slider 10

Introduzione

 

Straordinaria residenza sviluppata su due piani più ingresso e mansarda all'interno del prestigioso Palazzo Bacci/Beni, un edificio storico di grande rilevanza culturale vincolato dal Ministero dei Beni Culturali.

 

  • Tipologia: Residenziale
  • Metri quadri: 232
  • Numero Locali: 10
  • Classe Energetica: in fase di richiesta
  • Prezzo:365'000 €


Richiedi Informazioni

Descrizione


La sua storia affascinante risale al XVII secolo, ma ha subito diverse trasformazioni fino ad ottenere l'attuale struttura nel secolo successivo, come confermato dalla pianta del 1789 di Domenico Montauti, una delle più antiche di Arezzo.

La famiglia Bacci, con la sua ricca tradizione nobiliare e un profondo impegno nella vita culturale di Arezzo, ha commissionato a Piero della Francesca il celebre ciclo di affreschi delle "Storie della Vera Croce" presso la vicina Chiesa di San Francesco nel XV secolo. Nel corso dei secoli successivi, hanno anche raccolto un'importante collezione di antichità che è stata esposta proprio in questa casa di via del Saracino, come testimoniato dalla guida storico-artistica del 1838 di Oreste Brizzi. Il palazzo è stato successivamente acquisito dalla famiglia Beni nel XIX secolo, una rinomata famiglia borghese di Stia in Casentino.

Il palazzo si estende per 232 metri quadri accanto ad un magnifico spazio verde, unico nel suo genere nel centro storico, che si affaccia sulla suggestiva Piazza della Fioraia.

La struttura si distingue per i suoi dettagli architettonici unici. All'ingresso, noterete il portoncino neoclassico dei primi decenni dell'Ottocento, che ha attirato l'interesse del famoso antiquario Ivan Bruschi. All'interno, potrete ammirare una suggestiva tempera sulla volta dell'alcova, risalente allo stesso periodo, che rappresenta Diana, dea della caccia, accompagnata da amorini con torce, simbolo della notte e del sonno.

Il piano superiore, in origine destinato alla servitù, mantiene intatta la sua autenticità con un pregevole pavimento in mattoni interamente lavorati a mano. Qui troverete una grande cucina con un antico focolare e un ampio acquaio in pietra, testimonianze del passato servizio domestico.

L'ultimo piano offre una vista mozzafiato, con sette finestroni a 360 gradi che si affacciano su panorami incantevoli.

Durante le mattine d'inverno, in condizioni favorevoli è possibile ammirare le Alpi Apuane attraverso una visuale aperta sulle colline del Chianti, dal Valico della Croce.

Questa straordinaria residenza rappresenta un'opportunità unica per chi desidera possedere un pezzo di storia aretina.

Possibilità di realizzare due appartamenti indipendenti.



Un'esclusiva Barbagli Immobiliare.


I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.